Skip to content

Il contributo di BAT per un futuro più giusto passa da molteplici azioni e da obiettivi straordinariamente ambiziosi.

Il principio ‘Strength from diversity’ è da molti anni uno dei valori cardine di BAT e, già dal 2012, è stata adottata una strategia ad hoc in tema di Diversity&Inclusion su scala globale. Nel 2020 i risultati di una survey interna in area SEA hanno rivelato che il 75% dei dipendenti di BAT ritiene l’ambiente di lavoro “inclusivo e diversificato”.

BAT è infatti un’azienda per vocazione estremamente eterogenea, basti pensare che nell’area SEA (Sud Europa)sono presenti più di 35 nazionalità, si contano 18 persone in international assignement provenienti da tutto il mondo e la presenza femminile nei ruoli manageriali è del 42%.

Un “futuro più giusto”: investimenti in un quadro di sostenibilità

Per BAT Italia un futuro più giusto dipende anche da una maggiore sostenibilità del mercato di riferimento. BAT Italia contribuisce annualmente all’Erario con oltre 2 miliardi di euro l’anno tra accise e IVA e ritiene che la sostenibilità del settore dipenda soprattutto da equità e omogeneità fiscale tra le diverse categorie di prodotti del tabacco.

Questo obiettivo va perseguito in modo scrupoloso ed appropriato, partendo da alcuni parametri fondamentali che dovrebbero orientare le scelte del Legislatore: la tutela della salute e le esigenze di stabilità del gettito.

Con riferimento a quest’ultima esigenza sono due le attività che possono garantire tale stabilità: da un lato il contenimento del fenomeno del contrabbando e dall’altro una politica fiscale improntata all’equità.

BAT Italia è da anni impegnata a supporto delle istituzioni per il contrasto del contrabbando e della contraffazione, attività che sottraggono gettito alle casse dello Stato finanziando le associazioni criminali. L’attività di BAT è volta non solo al monitoraggio del fenomeno, ma soprattutto al concreto sostegno delle attività degli organi preposti al suo contrasto, grazie anche al Memorandum of Understanding sottoscritto periodicamente con la Guardia di Finanza.